Domande frequenti sulla nuova direttiva UE per l’etichettatura dei vini.

Nelle nostre FAQ troverai risposte sulla regolamentazione dell'etichettatura dei vini dell'UE (2021/2117). Spieghiamo come posizionare al meglio il codice QR sull'etichetta del vino e come indicare correttamente gli ingredienti e i valori nutrizionali.

Situazione giuridica: requisiti legali e contenuti

Tutti i vini prodotti e messi in circolazione a partire dall'8 dicembre 2023 dovranno riportare l'etichetta.

Le seguenti informazioni sono obbligatorie: Informazioni nutrizionali per 100 ml. Contenuto energetico in kj e kcal (deve essere indicato anche sull'etichetta della bottiglia). Informazioni su carboidrati e zuccheri in grammi. Informazioni su grassi, acidi grassi insaturi, sale e proteine, che possono essere presentate in forma tabellare o come testo, ad esempio "Contiene quantità trascurabili di grassi, acidi grassi saturi, proteine e sale". L'elenco degli ingredienti, che comprende uva, solfiti e altri additivi e allergeni. Per l'esportazione in Italia devono essere forniti anche i dati relativi al riciclaggio. Ulteriori dettagli come la gradazione alcolica, le varietà di uva, la qualità, i loghi e le immagini delle bottiglie sono facoltativi.

La legislazione si applica al vino, al vino spumante, al vino frizzante ecc. e ai prodotti vinicoli aromatizzati come il vin brulé e i vini liquorosi come il porto. Per le bevande miste a base di vino, come gli spritz, si applica la legislazione alimentare generale. Questi non sono quindi interessati. Attenzione: nel caso dello "Spritzer" austriaco, abbiamo sentito dichiarazioni discordanti da parte dei viticoltori. Essi hanno affermato che le autorità di controllo hanno dato loro istruzioni di indicare le informazioni nutrizionali e gli ingredienti anche in questo caso, poiché il contenuto di vino è pari al 50%. Purtroppo, attualmente le informazioni variano da Paese a Paese.

In questo caso, l'enologo ha una scelta: o le informazioni sui valori nutrizionali e sugli ingredienti sono stampate sull'etichetta, o le informazioni sono scritte dietro un codice QR come una cosiddetta "soluzione off-label". Ciò significa che sull'etichetta deve essere stampato solo il codice QR con l'intestazione "Ingredienti" e il valore calorico, con un notevole risparmio di spazio. L'enologo può scegliere tra le due opzioni.

Sull'etichetta, nel negozio web, nei cataloghi e nei listini prezzi con le opzioni di ordinazione. Dovete mettere le informazioni a disposizione dei consumatori ovunque essi possano acquistare i vostri prodotti. Ciò significa sulla bottiglia (per gli acquisti in negozio), nel negozio web e nei listini prezzi con la possibilità di ordinare.

No. Il Regolamento 2021/2117 recita: "Dopo la data di applicazione delle nuove norme di etichettatura, le scorte di vino esistenti dovrebbero poter essere commercializzate fino all'esaurimento. Agli operatori dovrebbe essere concesso un tempo sufficiente per adattarsi alle nuove norme di etichettatura prima della loro applicazione".

Sì, il Regolamento 2021/2117 attualmente si applica solo all'intera Unione Europea.

Il marchio deve essere disponibile online per un periodo compreso tra 3 e 10 anni, a seconda del livello di qualità. Il nostro servizio prevede un periodo standard di 10 anni, che può essere esteso su richiesta.

Per il vino non imbottigliato prodotto dopo l'8 dicembre, devono essere fornite le stesse informazioni del vino imbottigliato.

In linea di principio, un prodotto vinicolo si considera prodotto quando ha raggiunto le caratteristiche essenziali della sua categoria. Nel caso del vino fermo, è determinante il momento in cui si completa la fermentazione alcolica. Se la fermentazione è terminata prima dell'8 dicembre, la dichiarazione non è ancora obbligatoria. La maggior parte delle annate 2023 sono escluse in questo caso. Per i vini spumanti e i vini frizzanti vale il completamento della seconda fermentazione in bottiglia. Ciò significa che la maggior parte delle annate 2023 sono già interessate. Per i vini aromatizzati e i vini liquorosi, si applica la data di produzione finale. Ciò significa che sono interessati anche tutti i prodotti successivi all'8 dicembre 2023. Tuttavia, i rivenditori potrebbero aver bisogno delle informazioni sui vini molto prima. Devono fornire le informazioni sul loro negozio online e nei loro cataloghi. È quindi consigliabile creare le informazioni sui propri vini il prima possibile. Con il software e-label.eu, potrete poi condividere tutte le informazioni rilevanti con i vostri distributori con un solo clic. Ulteriori informazioni sono disponibili nella nostra Guida Master

No. Il regolamento 2117/21 recita: "I vini conformi alle norme di etichettatura di cui all'articolo 119 del regolamento (UE) n. 1308/2013 e i prodotti vitivinicoli aromatizzati conformi alle norme di etichettatura di cui al regolamento (UE) n. 251/2014, che in entrambi i casi si applicano prima dell'8 dicembre 2023, e che sono stati prodotti ed etichettati prima di tale data, possono continuare a essere immessi sul mercato fino all'esaurimento delle scorte". Pertanto, i prodotti immessi sul mercato DOPO l'8 dicembre non possono più essere etichettati con le etichette che avete in magazzino.

Sì, l'Italia segue la corrispondente direttiva UE 2021/2117.

È possibile utilizzarle per i vini la cui produzione è terminata PRIMA dell'8 dicembre 2023. Potete anche aggiornare le vostre vecchie etichette utilizzando adesivi con la scritta "ingredienti", il potere calorifico e il codice QR.

La fine del processo produttivo del vino coincide con la data di separazione dalle fecce: È la data in cui deve essere riportato nel registro SIAN come vino separato dalle fecce e che quindi ha concluso la sua fase di produzione; se coincide con una data successiva all'8 dicembre 2023, il vino deve essere etichettato in conformità al Regolamento (UE) 2021/2117.

Sì, se il vino giovane è ancora in fermentazione l'8 dicembre, non è prodotto; quindi se si interrompe la fermentazione dopo l'8 dicembre, è un vino che rientra nella nuova etichettatura.

In linea di principio, il produttore è responsabile delle informazioni riportate sull'etichetta. Tuttavia, se l'imbottigliatore è l'unica persona presente sull'etichetta e il produttore non è nominato, è responsabile delle informazioni.

Per i vini sfusi prodotti dopo l'8 dicembre, devono essere fornite le stesse informazioni dei vini imbottigliati. Naturalmente il vino non imbottigliato non ha un'etichetta, ma questo riguarda le norme sull'etichettatura: si tratta di tutte le informazioni che il produttore deve fornire in commercio e che si trovano sui documenti con cui il vino non imbottigliato viene messo in circolazione (mvv con codice QR).

Sì, ogni annata è un vino enologicamente nuovo e richiede un proprio disciplinare.

In linea di principio, è necessario rispettare le normative del Paese extra-UE in cui si esporta. Con il software e-label.eu, riconosciamo quando l'etichetta elettronica viene scansionata in un Paese non UE. A quel punto potete scegliere se visualizzare i valori nutrizionali e gli ingredienti in inglese o se reindirizzare il cliente al vostro sito web.

Lingua

No, per l'intestazione è sufficiente una lingua comunemente usata nell'UE. Le uniche eccezioni sono i vini aromatizzati. In questo caso, le informazioni sull'etichetta devono essere nella lingua del Paese di vendita.

Per il vino, secondo l'art. 121 del Regolamento (UE) 1308/2013, è sufficiente che le informazioni obbligatorie siano fornite in una lingua dell'UE. Per i prodotti vitivinicoli aromatizzati, l'obbligo di fornire tali informazioni in una 'lingua facilmente comprensibile nel Paese di destinazione'. Ci sono Paesi in Europa, come i Paesi Bassi, che accettano l'uso dell'inglese come standard, vale a dire che se il produttore crea l'etichetta e la pagina di destinazione in italiano e in inglese, va bene. Altri Paesi, come l'Italia, non sono d'accordo e richiedono che le informazioni legali siano sempre fornite nella lingua nazionale. Quindi, se esportate in Paesi multilingue, assicuratevi di tradurre il contenuto della pagina di destinazione. Nel sito e-label.eu, il contenuto della pagina di destinazione viene tradotto automaticamente in tutte le 27 lingue dell'UE.

Codice QR sull'etichetta

Il regolamento non prevede una dimensione minima per il codice QR, ma deve essere praticabile; pertanto, la definizione della stampa sull'etichetta deve garantirne la leggibilità. Per una dimensione di 1x1cm, si consiglia una zona di silenzio di 1mm. (vedi esempio grafico nella guida principale).

Accanto al codice QR deve comparire la dicitura "Ingredienti e valori nutrizionali".

Attualmente non esistono linee guida fisse sull'aspetto dei codici QR, quindi potete progettare il vostro come preferite. Tuttavia, vi consigliamo di assicurarvi che il codice QR sia facile da leggere, cioè che sia sufficientemente grande e che offra un forte contrasto tra pixel e sfondo.

Sì, il codice QR è dinamico e consente di personalizzare i dati dell'etichetta elettronica e la relativa pagina di destinazione a piacimento e ovunque.

I "codici QR dinamici" consentono di personalizzare in qualsiasi momento il contenuto del codice QR, mentre il codice stampato rimane invariato. In questo modo si ottiene una flessibilità totale. È possibile stampare il codice QR sull'etichetta e successivamente inserire i valori di analisi o apportare altre correzioni.

Sì, tutti i prodotti vinicoli contenenti almeno il 51% di vino sono interessati dal regolamento.

La regola è: un codice QR per vino, cioè per etichetta, e nuovi codici QR per ogni annata, che è enologicamente un vino diverso. Per quanto riguarda il lotto: se imbottiglio sempre lo stesso vino in formati diversi perché ho 100 ettolitri e ne imbottiglio 30 - 30 e 40, ci possono essere leggere variazioni, ma non certo negli ingredienti di questo vino. Quindi, se non devo fare variazioni, il codice QR che uso per il primo imbottigliamento va bene anche per i lotti successivi. Se invece il vino cambia perché devo lavorarlo, cioè non solo il lotto è diverso ma anche il vino, allora è necessario un codice QR diverso.

Sì, è importante che il codice QR con le informazioni nutrizionali, l'elenco degli ingredienti e le informazioni sul riciclaggio siano correttamente etichettati con "Ingredienti e informazioni nutrizionali".

Sì, è importante che il codice QR con le informazioni nutrizionali, l'elenco degli ingredienti e le informazioni sul riciclaggio siano etichettati correttamente con "Ingredienti e informazioni nutrizionali".

Sì, possiamo riassumere l'etichettatura ambientale, le informazioni nutrizionali e le informazioni sugli ingredienti in un unico link.

Sì, ma deve trattarsi sempre dello stesso vino. Esempio: il produttore X produce TOT. bottiglie di Rosso Conero, annata 2024; tutte riportano le stesse informazioni e quindi si tratterà sempre dello stesso QR code che rimanda sempre alla stessa landing page. Nel momento in cui cambia una caratteristica (annata, vitigno, ecc.), si parla di un codice QR diverso.

No, un semplice link stampato non è sufficiente. Deve essere sotto forma di codice QR.

No. È possibile scrivere qualsiasi cosa sull'etichetta come prima. L'importante è che non ci sia alcun elemento di marketing all'interno della pagina di destinazione e che, naturalmente, non ci sia il tracciamento dell'utente tramite il codice QR.

No. La landing page non deve essere collegata al sito web della cantina e può contenere solo: il nome, l'annata, la regione e il vitigno del vino, l'etichettatura nutrizionale completa (elenco degli ingredienti e valori nutrizionali) e le informazioni sul riciclaggio (per i Paesi dell'UE in cui il vino viene esportato).

No. Il codice QR deve trovarsi nello stesso campo visivo delle altre informazioni obbligatorie e deve essere visibile senza dover girare la bottiglia. In altre parole, se inserisco tutto sul fronte, devo inserire anche l'etichetta elettronica (art. 40, par. 1, del regolamento (UE) 2091/33).

Specifiche per la pagina di destinazione

Sull'etichetta, devo memorizzare una pagina di destinazione per ogni vino. Più vini non possono essere riassunti qui. Per i cataloghi, i listini prezzi e il negozio web, invece, posso combinare più vini. In questo caso e-label.eu offre la semplice creazione di codici QR collettivi a partire dalle etichette elettroniche già create.

No. In nessun caso la landing page può trovarsi all'interno del sito web dell'azienda. Deve essere una pagina pura che non contenga elementi di marketing.

Il nome o la denominazione del vino, in modo che la landing page possa essere chiaramente assegnata al vino che il cliente tiene in mano. Questo nome o denominazione deve comparire sull'etichetta del vino.

Per la retroetichetta del vino, il sito web dietro il codice QR deve essere specifico e individuale per questo vino. I codici QR collettivi possono essere utilizzati solo per cataloghi o listini prezzi.

Le lingue della landing page devono essere quelle in cui viene venduto il prodotto.

Sì, possiamo inserire il logo/marchio dell'azienda perché aiuta a riconoscere il vino e il produttore a cui ci riferiamo; tuttavia, elementi come frasi, storia dell'azienda, foto dell'azienda, ecc. non dovrebbero essere inclusi.

Non consigliamo di aggiungere tali informazioni all'etichetta elettronica, poiché non è consentito alcun tipo di marketing sull'etichetta elettronica. È inoltre molto importante che le informazioni sulla pagina di destinazione (e-label) non siano duplicate con le informazioni sull'etichetta stampata.

Sì, ma ci sono diversi problemi da considerare prima di ospitare la vostra e-label direttamente sul vostro sito web. Ad esempio, è necessario rimuovere il tracciamento degli utenti, come i cookie utilizzati per Google Analytics. Inoltre, è fondamentale assicurarsi di non promuovere o vendere i propri vini sullo stesso sito per evitare potenziali multe. Pertanto, le vostre etichette elettroniche dovrebbero essere ospitate separatamente dal vostro sito web e dal vostro negozio online, poiché questi sono considerati marketing. Infine, ma non meno importante, si corre il rischio di perdere tutte le etichette elettroniche in caso di modifiche alla struttura del sito web.

Cataloghi, listini prezzi e schede tecniche

No, questi sono puramente informativi e non richiedono queste informazioni.

Quanto segue si applica sia ai listini prezzi che ai cataloghi: se il cliente può ordinare un vino sulla base di questo documento, ad esempio per telefono o per e-mail, le informazioni sugli ingredienti devono essere incluse anche lì. Se si tratta solo di informazioni sul prodotto e il cliente deve recarsi in un negozio per acquistare il vino, ad esempio, le informazioni non sono necessarie.

Marketing, monitoraggio e sanzioni

Gli ingredienti e le informazioni nutrizionali sono informazioni obbligatorie, analogamente all'indicazione del contenuto alcolico, ad esempio, e le sanzioni per le violazioni sono quindi, in prospettiva, le stesse di quelle previste per la falsa etichettatura degli alcolici. Tuttavia, dai colloqui con diversi ispettori del settore vitivinicolo e con il Dr. Eichele di Rohwedder & Partner è emerso che la prima fase di attuazione non sarà troppo rigida, purché sia chiaro che il regolamento è stato studiato e che si sta cercando di applicarlo correttamente.

La mancanza di tracciabilità digitale fa sì che il Regolamento (UE) 2021/2117 vieti al produttore di raccogliere informazioni (che potrebbero essere utili a fini di marketing) sugli utenti che scansionano il codice QR. Ciò che è consentito è la determinazione approssimativa del Paese in cui avviene la scansione, al fine di visualizzare correttamente la lingua.

No. Non è consentito il tracciamento completo degli utenti, ad esempio utilizzando i cookie per strumenti come Google Analytics. Tuttavia, è possibile analizzare i DATI UTILI, ad esempio il tasso di scansione o una localizzazione approssimativa delle scansioni tramite l'indirizzo IP. In collaborazione con esperti legali, ci assicuriamo che la nostra piattaforma sia sempre conforme al GDPR.

Marketing, monitoraggio e sanzioni

Esistono tolleranze armonizzate a livello europeo per lo zucchero e i carboidrati. Di conseguenza, è ammessa una tolleranza di 2 g/100 ml (equivalente a 20 g/l) per la dichiarazione di zucchero/carboidrati per i vini inferiori a 10 g per 100 ml (equivalente a 100 g/l, cioè in generale tutti i vini tranne i vini dolci nobili). Per i vini dolci nobili con più di 100 g/l di zucchero, sono tollerate deviazioni del ± 20 % nell'indicazione dei carboidrati/zuccheri. Per il potere calorifico non è specificata alcuna tolleranza armonizzata a livello europeo. Si può ipotizzare che non siano tollerate deviazioni del potere calorifico superiori al 20% o contenuti elevati di oltre 20 kcal nei vini.

No. Oltre all'alcol presente e allo zucchero residuo, si tiene conto anche dell'acidità presente. Tutti e tre i dettagli sono normalmente inclusi nell'analisi del vino.

In linea di principio, le informazioni sui valori nutrizionali e sugli ingredienti devono essere fornite quando servono a informare il consumatore finale al momento della decisione di acquisto. Se un documento di trasporto viene utilizzato quando un prodotto vinicolo è già stato acquistato, non deve quindi fornire informazioni sui valori nutrizionali e sugli ingredienti. Il presupposto è che i consumatori si siano già informati. Se si trasporta un prodotto vinicolo in una cisterna, ma i consumatori acquistano il vino solo dopo che è stato imbottigliato, la cisterna e i relativi documenti di trasporto non devono fornire informazioni sui valori nutrizionali e sugli ingredienti. Per il vino non imbottigliato prodotto dopo l'8 dicembre, devono essere fornite le stesse informazioni del vino imbottigliato. Naturalmente, il vino non imbottigliato non ha un'etichetta, ma qui si tratta di norme sull'etichettatura: si tratta di tutte le informazioni che il produttore deve fornire in commercio e che appariranno sui documenti con cui il vino non imbottigliato viene messo in circolazione (MVV con codice QR).

È sufficiente un rapporto di laboratorio standard con il contenuto alcolico, l'acidità e lo zucchero residuo. Il nostro software di etichettatura elettronica calcola automaticamente tutti i valori necessari, come i carboidrati e il potere calorifico.

Per il calcolo del potere calorifico è necessario utilizzare l'esatta gradazione alcolica riportata nel rapporto di laboratorio. Non preoccupatevi, questo non è stampato esplicitamente, cioè non c'è conflitto tra il valore alcolico arrotondato sull'etichetta e il valore alcolico esatto nel calcolo del potere calorifico; quest'ultimo è solo incluso nel potere calorifico e non viene mostrato.

Qui deve essere indicata l'acidità totale (acido tartarico organico C4H6O6).

Calcolo dei carboidrati: I carboidrati corrispondono alla somma di glicerina e zucchero residuo. Il rapporto tra glicerina e alcol è di 1/10. Per calcolare la quantità di glicerina, l'alcol deve essere convertito in peso: volume di alcol (ml) in grammi (g) -> moltiplicato per un fattore di 0,8 Da questo segue: Glicerina = [alcol] * 0,8 / 10. Zucchero = [zucchero residuo] / 10 (calcolo per 100 ml) Carboidrati = [zucchero] + glicerina Calcolo delle kcal: 1g di alcol = 7 kcal (30 kJ) 1 g di zucchero = 4 kcal (17 kJ) 1 g di acido organico = 4 kcal (17 kJ) 1 g di estratto, glicerina = 4 kcal (17 kJ) 1 kcal = 4,186 kJ Questa formula è stata sviluppata insieme al Dr. Schandelmaier della DLR (la più grande scuola tedesca di agricoltura e viticoltura), al Dr. Eichele dello studio legale europeo sul vino Rohwedder & Partner e al Prof. Fino dell'Università di Pollenzo in Italia. La formula si basa anche sul fattore specificato nel REGOLAMENTO (UE) N. 1169/2011 per i prodotti alimentari.

Il sodio non è normalmente un componente comune del vino ed è inferiore al valore minimo da indicare.

Se si dispone di un'analisi ufficiale effettuata al momento dell'imbottigliamento del vino come base di calcolo, non si avranno problemi anche in caso di scostamenti.

Sì, tutte le analisi effettuate da un laboratorio ufficiale sono consentite. Sono sufficienti i valori dell'alcol contenuto, dello zucchero residuo e dell'acidità totale.

Ingredienti

Secondo l'UE, devono essere dichiarati solo gli additivi che rimangono nel prodotto. I cosiddetti coadiuvanti tecnologici che non rimangono nel prodotto non devono essere dichiarati. L'UE ha pubblicato un elenco di ingredienti che devono essere dichiarati. L'elenco completo è disponibile qui: https://eur-lex.europa.eu/eli/reg_del/2019/934/oj. Abbiamo trasferito l'elenco completo nel nostro software. Tutti gli ingredienti presenti in questo elenco devono essere dichiarati. Se una sostanza non è presente nell'elenco, si tratta di un coadiuvante tecnologico e non deve essere dichiarata.

Il termine "uva" viene prima di tutto. In caso di fortificazione, è seguito dal termine "saccarosio". Nel caso di fortificazione con mosto d'uva concentrato rettificato o mosto d'uva concentrato, viene inserito il termine "mosto d'uva concentrato". Nel caso del vino spumante, si utilizzano i termini "dosaggio di imbottigliamento" e "dosaggio di spedizione". I seguenti ingredienti costituiscono tutti meno del 2% del prodotto finale e possono essere disposti in qualsiasi ordine.

Il mosto d'uva è un prodotto intermedio naturale ottenuto direttamente dall'uva. Come risulta dall'articolo 48 bis, paragrafo 1, del Regolamento delegato (UE) 2019/33, l'indicazione delle materie prime che costituiscono l'"ingrediente principale" del vino può essere effettuata specificando se sono stati utilizzati uva e/o mosto d'uva o sostituendoli tutti con il termine unico "uva". La disposizione offre una possibile semplificazione per gli operatori, che possono applicarla su base volontaria.

No, la bentonite è un coadiuvante tecnologico. Non deve essere inclusa nell'elenco degli ingredienti.

Sì, ma si può anche specificare semplicemente "uva" come ingrediente, dato che il mosto si ottiene dall'uva.

Questi possono essere utilizzati facoltativamente al posto del nome dell'additivo per abbreviare l'elenco degli ingredienti. Tuttavia, non sono obbligatori in nessun caso.

"Dose di riempimento" e "Dose di spedizione" devono essere indicate singolarmente come ingredienti. Inoltre, gli ingredienti delle dosi devono essere indicati singolarmente. Esempio: elenco degli ingredienti: Uva, saccarosio, dose di riempimento, dose di spedizione, Regolatori di acidità: Acido tartarico Stabilizzatori: Acido fumarico, acido metatartarico, gomma arabica, conservanti e antiossidanti: solfiti, acido L-ascorbico.

Il mosto può essere indicato semplicemente come "mosto" (senza specificare il tipo; non è quindi necessario indicare "mosto parzialmente fermentato", "mosto congelato", ecc.

La data di scadenza non è la data di scadenza: è solo un'indicazione commerciale, è il momento dopo il quale il produttore non può più garantire che le caratteristiche del vino corrispondano a quelle che il consumatore può legittimamente aspettarsi. Tuttavia, se si tratta di un vino che invecchia bene, non è un problema indicare una lunga durata di conservazione. Per i vini non generici, i produttori non possono fare questa indicazione se il disciplinare non la prevede. D'altra parte, tutti i vini aromatici/spumanti devono indicare la data di scadenza. L'indicazione della data di scadenza sulla bottiglia è obbligatoria perché aiuta il consumatore a fare una scelta consapevole.

Il lievito è un coadiuvante tecnologico e non deve essere indicato nell'elenco degli ingredienti.

faqs.e-label.ingredients.answer-10

Tutti i gas di imballaggio, indipendentemente dal gas, possono essere etichettati come "riempiti in atmosfera modificata".

Questo deve essere incluso nell'elenco degli ingredienti come "anidride carbonica". Se il prodotto viene successivamente imbottigliato anche sotto CO2, NON è necessario indicare nuovamente "imbottigliato in atmosfera modificata".

Se i valori di analisi e gli ingredienti sono gli stessi, è possibile utilizzare lo stesso codice QR.

Se i valori di analisi e gli ingredienti sono gli stessi, è possibile utilizzare lo stesso codice QR.

Le sostanze che possono scatenare allergie o intolleranze devono essere elencate e sottolineate nella lista degli ingredienti. Questo vale anche per i coadiuvanti tecnologici allergenici come il latte e l'uovo. Questi devono essere elencati con una concentrazione superiore a 0,25 mg/litro. I solfiti devono essere indicati con una concentrazione superiore a 10 mg/l e sono etichettati con il termine "solfiti".

Software / e-label.eu

Tutte le lingue ufficiali dell'UE possono essere utilizzate per visualizzare i dettagli dell'etichetta elettronica. Inoltre, la nostra funzione di traduzione automatica vi aiuterà a tradurre rapidamente tutti i dati.

Per la stampa di etichette, offriamo il codice QR nei formati svg, png, jpeg, webp e pdf. È inoltre possibile scaricare più codici QR contemporaneamente utilizzando il nostro software. Il nome del file viene configurato in base alle vostre esigenze per facilitare l'assegnazione durante la stampa.

Certamente. È possibile copiare i dati dell'etichetta elettronica per vini simili, e offriamo anche una funzione che consente di caricare i dati in blocco.

Potete utilizzare il vostro database. Vi consiglio di dare un'occhiata al nostro pacchetto 'Platinum'. Qui abbiamo una funzione multi-cliente: potete creare più marchi di vino sotto lo stesso account con i rispettivi logo e design. Potete anche aggiungere al vostro account tutti gli utenti che volete, nel caso in cui più persone lavorino con lo strumento.

Non possiamo offrire pacchetti personalizzati, ma possiamo certamente accontentarvi. Le nostre offerte devono sempre avere un prezzo equo. Contattateci per un'offerta personalizzata.

Ciò significa che le vecchie etichette non sono più redditizie. Ad esempio, producete 30 vini all'anno e prenotate il nostro pacchetto Silver. Ogni anno potete creare 30 nuove etichette elettroniche per la nuova annata. Quelle vecchie non contano, sono ancora nel vostro software, ma sono già state pagate. Pertanto, con l'abbonamento annuale si paga solo per le "nuove etichette elettroniche" e non si viene spinti verso pacchetti più grandi nel corso del tempo. Spero di aver risposto alla sua domanda.

È possibile aggiornare un pacchetto in qualsiasi momento o ridimensionarlo alla fine dell'anno. Se avete bisogno di più etichette e fate un upgrade, pagherete solo la differenza tra i due pacchetti e solo pro rata per il tempo rimanente. Esempio: si passa dal pacchetto Silver al pacchetto Gold dopo 6 mesi. La differenza è di 110,00 EUR. Tuttavia, poiché utilizzate il pacchetto più grande solo per altri 6 mesi, pagherete 55,00 EUR. Dopo altri 6 mesi, si paga il pacchetto che si desidera estendere.

Se avete creato un'etichetta elettronica ma non ne avete bisogno, potete cancellarla nella pagina di panoramica (tre punti all'estremità destra). Per noi cancellare significa sempre archiviare, cioè un'etichetta elettronica cancellata viene solo archiviata e può essere riattivata in qualsiasi momento. Questo per evitare che le etichette elettroniche già stampate vengano accidentalmente cancellate e non possano essere riattivate. Naturalmente, le etichette elettroniche archiviate non vengono conteggiate nella fornitura annuale di etichette. Il cliente che scansiona un'etichetta archiviata vedrà questo prodotto come archiviato. Le etichette elettroniche dell'anno precedente NON contano ai fini dell'abbonamento attuale. Non cancellare/archiviare queste etichette elettroniche. Sono incluse nell'abbonamento dell'anno precedente e rimarranno online per 10 anni senza dover sostenere ulteriori costi.

Interfaccia" significa che ogni pacchetto dispone di un'interfaccia di base per l'importazione/esportazione dei dati. Multimandato" significa che è possibile gestire più marche di vino nello stesso account.

La "connessione all'ERP" è una connessione a soluzioni software ERP o di negozio esistenti per le quali è richiesta la sincronizzazione automatica. A tale scopo, offriamo un'API che può essere utilizzata per sincronizzare i dati dal vostro sistema a noi o dal nostro sistema al vostro.

Dati sul riciclo

Vedi com. COMM. UE. 24/11. La Commissione europea prescrive la designazione "Ingredienti e valori nutrizionali" accanto al codice QR con l'etichettatura nutrizionale. Questo vale anche se le informazioni sul riciclaggio sono fornite qui. Non è quindi necessario scrivere nulla di aggiuntivo.

L'etichettatura ambientale è in vigore in Italia dal gennaio 2023.

Il codice QR / e-label che indica le informazioni sul riciclaggio deve avere una dimensione minima di 1 x 1 cm.

Vino spumante / vino frizzante

Per i vini spumanti, la data rilevante è la fine della seconda fermentazione, poiché un vino spumante o un vino spumante Martinotti-Charmat che subisce la rifermentazione in autoclave non è prodotto all'inizio ma alla fine della fermentazione, cioè quando viene separato dalle fecce. Se questa data coincide con una data successiva all'8 dicembre 2023, il vino deve essere etichettato in conformità al regolamento.

Per il vino spumante si usano i termini "tirage" e "dosaggio di spedizione", da soli o con un elenco degli ingredienti effettivi. Un tipico vino spumante contiene quindi: uva, saccarosio, tirage, dosaggio di spedizione, solfiti e altri ingredienti minori.

Esistono due modi per specificare gli ingredienti dei vini spumanti. In primo luogo, si elenca il vino come ingrediente e si indicano gli ingredienti del vino tra parentesi. Seguono il dosaggio di riempimento e il dosaggio di spedizione, nonché l'aggiunta durante la seconda fermentazione. Variante 1 "Ingredienti: Vino (uva, saccarosio, correttore di acidità: E 334), dosaggio di riempimento, dosaggio di spedizione, conservante: solfiti". Nella seconda variante, elencate tutti gli ingredienti dell'intero prodotto. Variante 2 "Ingredienti: Uva, saccarosio, correttore di acidità: E 334, dose di riempimento, dose di spedizione, conservante: solfiti". Entrambe le varianti sono legittime. La variante 2 è implementata nel software e-label.eu.

Moscato d'Asti

Sì, anche questo deve essere già conforme alle nuove normative.

Il nuovo regolamento dell'UE si limita ad aggiungere alle regole precedenti le informazioni sugli ingredienti e le informazioni nutrizionali. In altre parole, se prima si doveva scrivere la data di scadenza sull'etichetta, ora si deve fare lo stesso. Tuttavia, la data di scadenza non deve essere riportata sull'etichetta elettronica. Sono inclusi solo gli ingredienti, le informazioni nutrizionali e i dettagli sul riciclaggio.
Avete ancora domande? Contattateci!